Focus sul trasporto merci per il Tavolo sulla Sicurezza Stradale.

L’incontro del Tavolo non istituzionale, ospitato in questa occasione nella sede di ACI, ha visto intervenire come relatori Franco Fenoglio, Presidente UNRAE Truck, Paolo Uggé, Vice Presidente Vicario di Conftrasporto, Massimo De Donato, direttore di TIR la rivista dell’Albo dei Trasportatori.

Un dibattito animato e costruttivo che ha visto, tra gli altri, la partecipazione del Presidente di ACI, Angelo Sticchi Damiani, che ha fatto gli onori di casa insieme al Coordinatore dell’Area tecnica di ACI, Enrico Pagliari, del dott. Santo Puccia, Direttore della 1ª divisione del Servizio Polizia Stradale, di Toni Purcaro Executive Vice President DEKRA Group, di Giuseppe Guzzardi, direttore di Vie & Trasporti, di Pierluigi Bonora, fondatore del Forum Automotive, di Emmanuele Laurenzi, Fondazione ANIA, e di Fabio Dadati che ha moderato l’incontro.

Il trasporto delle merci su gomma rappresenta in Italia l’85% del totale, è un settore strategico per il nostro Paese, perché da ormai parecchi anni le aziende non fanno più magazzino e si basano su logistica e autotrasporto. - ha spiegato Paolo Uggé - per questo serve un piano funzionale alla competitività.
Da parte sua, Franco Fenoglio ha evidenziato che il veicolo industriale oggi potrebbe essere il mezzo più sicuro sulle nostre strade, ma serve il rinnovo del parco circolante: i mezzi immatricolati dopo il 2015, dotati di serie dei sistemi di frenata d’emergenza e mantenimento della corsia sono solo l’11,9% sul totale, pari a 78.000 su 650.000. Se poi consideriamo i sistemi di sicurezza non obbligatori ma già disponibili, gli autotreni possono avere una dotazione che supera quelle delle automobili.

Entrambi i relatori hanno preso atto che serve l’impegno del Governo per far sì che il cambio di vecchi mezzi con nuovi sia effettivamente realizzato. Senza tale intervento ci vorranno tra i 20 ed i 30 anni e si rimarrà sempre con un parco circolante molto vecchio. Emerge con forza l’esigenza di porre la giusta attenzione al settore del trasporto su gomma, sia da parte della politica che dei media, così da promuovere presso l’opinione pubblica un’ immagine diversa del comparto e dei suoi operatori, sotto ai riflettori solo in occasione di gravi incidenti, come accaduto di recente.

Paollo Uggé ha ribadito che le azioni del Governo sono determinanti per la sicurezza: ad esempio con la Legge di Stabilità sono stati previsti 100 milioni per le spese non documentate da parte dei “padroncini”. La richiesta di Conftrasporti è che la si riservi a chi possiede automezzi almeno euro 3, camion già molto vecchi, ma sotto quel livello sarebbe preferibile non concedere incentivi o sconti.

I vari intervenuti hanno concordato sull’importanza di ricostituire la Consulta dell’autotrasporto, promessa dal Ministro delle Infrastrutture, ma non ancora realizzata.

Con Massimo De Donato si sono visti i dati dell’Albo dei Trasportatori. Ben 34.000 imprese non hanno idoneità finanziaria, 16.000 non hanno il requisito, 10.000 imprese circolano senza assicurazione. Numeri che fotografano la complessa situazione del mondo dell’autotrasporto, che richiede un lavoro congiunto di tutti gli attori interessati.

Passando al ruolo della Polizia Stradale, il dott. Puccia ha sottolineato che questo è incentrato sui comportamenti. Il grande impegno è rivolto alla specializzazione dei controlli, con investimenti significativi per attività di formazione degli operatori. Inoltre la Polizia Stradale sta sviluppando operazioni ad alto impatto su alcuni settori, quali trasporto eccezionale, merci pericolose, alimentari, ma sarebbe necessario implementare le dotazioni tecnologiche che vanno anche rinnovate come ad esempio per il controllo tachigrafi, attività strategica per la Polizia Stradale, strumenti sempre aggiornati.

Torna indietro

News correlate

Condividi sui social network

Accedi ora

Per candidarti su DEKRA Italia devi prima essere registrato e aver creato il tuo CV online. Clicca su Registrati, oppure accedi utilizzando le tue credenziali.
Inserisci il tuo nome utente DEKRA Italia.
Inserisci la password associata al tuo nome utente.

Cerca